Posts Tagged ‘tartan’

WHITE Hunting . Who’s that girl … In red


Quest’anno, come molti visitatori hanno potuto notare, WHITE ha deciso di dare un twist all’ immagine degli allestimenti variando completamente gli sfondi. Grandi tele con tessuti stampati dalla ormai nota azienda Perrero, hanno fatto da quinta e scenario per le magnifiche collezioni presentate. Il rosso è stato motivo dominante anche nei colori dei fondali così come quello dell’outfit catturato al salone. Pochette e gioielli in linea con un look elegante e personale.

Morethanlove

WHITE Hunting . Who’s that girl … In red
This year, as many visitors could notice, WHITE has given a turn to its image, completely changing the backdrop. Big canvas with fabrics printed by the well-known company Perrero have been the stage of the wonderful collections presented. Red has been the predominant theme for the colours of depths as well as for the outfit captured at the show. Clutch bag and jewels are in line with an elegant and personal look.



WHITE Double Hunting

Fare ricerca è meglio in compagnia, una coppia  avvistata all’ultimo salone che con passo elegante si aggira per WHITE. Le righe sono un leit motif per entrambi, una scelta simile anche se su stili diversi che evidenzia le due personalità. Toni di grigi misti a scuri ed un’eleganza celata, ma sottilmente evidente.

Morethanlove

WHITE Double Hunting

It is better to be in someone’s company when doing research, a couple seen at the last show elegantly walked about WHITE. Stripes are a leitmotif for both, a similar choice though with different styles, to highlight the two personalities. Grey and dark tones and a hidden elegance, yet subtly visible.



A WHITE con l’accento scozzese

Se dal tartan in passato si poteva distinguere l’appartenenza a clan di diverse regioni, noi potremmo facilmente vederlo come elemento di riconoscimento di una selezionata clientela del salone che ne esprime le proprie varianti con piccoli dettagli che lo caratterizzano. Maniche a tre quarti e scacchi decisi con elastico che cingono la caviglia, dettagli che insieme ad altre chicche sfoggiano come sempre una certa eleganza tra gli habitué di WHITE.

Morethanlove

At WHITE, with a Scottish accent

In the past, one could distinguish the belonging to clans of different regions from tartan, while we can easily see it as the distinguishing element of selected customers of the show, expressing its variants through small details. Three-quarter sleeves and sharp checks with elastic around the ankle, details which, together with other treats, usually show a particular elegance amidst the WHITE habitués.


 


WHITE Hunting . Il salone al completo

Entrambi ritratti mentre guardano il cellulare, il nostro duo Curvadicontrasto non poteva non riprendere un altro duo in questi scatti. L’eleganza salta all’occhio così come la forte personalità di entrambi i protagonisti uno dei quali appartiene ai noti blogger Lifestylehunters, due stili diversi che sembrano ripercorrere epoche passate con rimandi retrò nelle linee o nelle cromie.

Morethanlove

WHITE Hunting . The show in suit

They were both photographed while looking at their mobile, our duo Curvadicontrasto could not but catch another duo in these shots. Elegance leaps out just like the strong personality of both the protagonists Lifestylehunters bloggers, two different styles that seem to follow past ages with retro references in the lines or in the colours.




WHITE Hunting . Ispirazioni di texture

Tartan, le righe nella loro più alta connotazione di moda, linee che hanno definito una texture nota in tutto il mondo. Su sciarponi (così comodi durante il freddo gelido milanese, io sempre in giro con sciarpe immense), su montgomery alternati a campiture omogenee e su giacche; applicazioni varie per un pattern che anche se semplice rivive in una moltitudine infinita di varianti cromatiche e segni. Ovviamente in uno dei miei argomenti preferiti non poteva mancare anche una fitta rete di stelle, farfalle e geometrie astratte.

Morethanlove

WHITE Hunting . Texture inspirations

Tartan, stripes in their loftiest fashion connotation, lines that have defined a texture known in the entire world. On big scarves (so perfect during the freezing winter season in Milan, I always wear huge scarves), with duffel coats alternating with homogenous backgrounds and on jackets; different applications for a simple pattern which revives an infinite multitude of chromatic variants and signs. Clearly, a thick system of stars, butterflies and abstract geometries could not be missing from one of my favourite topics.




White Details . Salone che vai Tartan che trovi

Ogni persona ha una propria visione nello scegliere i vestiti, si chiama gusto personale ovviamente, un tocco magico che la differenzia da chiunque altro. Pochi sanno che in passato sarebbe stato sufficiente guardare un capo realizzato con tartan per identificare il clan o la regione di appartenenza. È chiaro che a WHITE non parliamo di clan, ma di caratteri ben distinti, di cui non si fa mistero dell’amore per il dettaglio. Che siano quindi con texture più fitte o più larghe o dalle cromie più o meno sgargianti, ecco alcune rivisitazioni dell’antico pattern visto in chiave moderna, la giacca abbinata alla gonna è superlativa.

Morethanlove

White Details. Each show has its own Tartan style
Everyone has a taste in the choice of clothes, this is called personal taste, a magic touch that makes the difference. Few people know that in the past it would have been enough to look at a piece of clothe in tartan style to identify the belonging clan or region. It is clear that at WHITE we cannot talk of a clan, but of well-defined characters that do not hide their love for details. Here are some modern re-interpretations of the old pattern – from the thicker textures to the looser ones, or with gaudy colours – the jacket paired to the skirt is sublime.


 


Kreisicouture . Il capo Ungherese

Alla designer Krisztina Reisini non mancano di certo le ispirazioni o le contaminazioni, ispirata dall’icona di Diana Vreeland (direttrice di testate di moda come Harper’s Bazaar e Vogue dagli anni ’40 agli anni ’60) e da un percorso lavorativo molto personale che le ha fatto sperimentare svariati campi del design, della fotografia e dell’interior design fino ad arrivare alla moda. Sono passata dal loro spazio espositivo a WHITE e sono rimasta positivamente colpita da alcune sue creazioni con il marchio Kreisicouture. Sia il Tartan che il pied de poule o le campiture piene, sono solo alcune delle varianti con cui Krisztina, di origini ungheresi, propone le sue forme dallo stile decisamente iconico. C’è già un’idea precisa di look nei suoi cappelli, che facilita la composizione di abbinamenti nelle giornate in cui abbiamo le idee un pò confuse.

Ps: sono nata lo stesso giorno di Diana Vreeland, a volte il destino manda dei segnali, la cosa complessa è cercare di decifrarne il significato…

Morethanlove

Kreisicouture. The Hungarian Garment
Designer Krisztina Reisini is certainly not lacking of inspirations or influences, inspired by the icon Diana Vreeland (director of fashion magazines like Harper’s Bazaar and Vogue from the 40s to the 60s) and by a very personal work process that led her to experiment with various fields of design, photography and interior design up to the fashion. I visited their booth at
WHITE and I ‘ve been greatly impressed by some of her creations branded Kreisicouture. Tartan or pied de poule pattern or solid backgrounds are just some of the variations with which Krisztina offers her original shapes with an iconic and often minimal style. There is already a clear idea of the total look in her hats, which facilitates the composition of combinations on days when our ideas are a little confused.

Ps: I was born the same day as Diana Vreeland, sometimes fate sends signals; Quite complex is to try to decipher the meaning …



 


. © WHITE - PIVA 02579501202 - Powered By M.Seventy S.r.l. WebSite VITALIANOCOSENTINO