Our Interviews

BISTRUSSO

Nel nostro viaggio per scoprire ispirazioni e mondi creativi che si intersecano con la moda, oggi incontriamo il marchio di accessori Bistrusso, presente all’ultima edizione del WHITE di settembre. Abbiamo raggiunto la giovane designer sarda Giorgia Bistrusso che ci sorprende con le sue borse in sughero, materiale che esprime le sue radici e si traduce in una collezione contemporanea e desiderabile.

Abbiamo chiesto a Giorgia di raccontarci il suo legame con la musica e lei ha anche identificato tre canzoni a rappresentare tre delle sue creazioni. Ecco cosa ci ha raccontato:

“Tre canzoni, tre viaggi diversi che hanno contribuito alla nascita della collezione Khora di Bistrussi per la s/s 2015. Nella valigia i ricordi dell’infanzia: colori, suoni, immagini, natura e puro istinto. Un viaggio intenso, intervallato da ritmi avvolgenti attraverso una ricerca che aspira alla raffinatezza, che si rifà alle storie arcaiche della Sardegna, al gusto francese e si nutre di atmosfere Asiatiche. Le canzoni che ho scelto, attraverso un personale processo creativo, hanno giocato un ruolo fondamentale per la riuscita delle creazioni. La musica è libera e la bellezza è coglierne l’essenza. L’atmosfera è sentimentale, spesso malinconica. Un intreccio di trame, sensazioni e ricordi sempre vivi che mi accompagnano nelle assenze dalla mia isola.”

In our quest to discover how inspiration and creativity intertwine with fashion, today we will talk about the creations by Bistrusso. Bitrusso, guest at WHITE during last September’s edition, is a brand that specialized in the creation of accessories. We had the chance to meet Giorgia Bistrusso, a young designer from Sardinia that amazed us for her creative purses made out of cork. This peculiar material, able to best express the roots of the artist, has been used to shape an alluring contemporary collection.

During the interview, we asked Giorgia to tell us something about her relationship with music, and she picked three songs in order to describe three of her creations. That’s what she told us:

“Three songs, three different journeys which contributed to the birth of Bistrussi’s Khora collection for spring/summer 2015. In my bags you can find lots of memories from my childhood: colors, sounds, images, nature and pure instinct. An intense journey, broken down into captivating rhythms, a research whose final aim is pure elegance. I draw my inspiration from the archaic history of Sardinia, from the French taste, but also from the delicate Asian atmospheres. And the three songs I chose are part of a personal creative process which played an important role for the final outcome of my creations. Music is in fact freedom, and beauty is being able to capture the essence of this freedom. The overall atmosphere is deeply sentimental, often melancholic. And it is the result of meshing plots, sensations and memories that are always alive, which walk together with me even when I am far away from my island”.

 

Bag: Frisia Horii.
Song title: “Haru” by Christian Fennesz & Ryuichi Sakamoto (from the album “Cendre”, 2007).

 

 

Haru mi ha suggerito una scenografia sullo sfondo per tutta la durata del brano, la canzone è una fusione tra purezza sonora e sofisticato pop elettronico, una suggestione della tradizione artigianale e della sensibilità moderna che si incontrano convivendo armoniosamente.

La Clutch Frisa Horii, dai profili e dalle bande laterali bianco vintage, viene impreziosita dalla pelle stampata ispirata all’acquamarina e dalle mappe dipinte nei piatti di porcellana giapponesi dell’800 del secolo scorso, con un disegno sulla pelle trapuntata di piccoli anelli irregolari, come le fitte reti dei pescatori.

L’ispirazione prende spunto dalla prima luce del mattino, dal calmo risveglio nutrito di atmosfere liquide lungo melodie evocative impreziosite dal pianoforte.

Dal design contemporaneo, dal manto dei pesci immersi nell’acqua che ondeggia emanando riflessi madreperlacei per dare vita al pattern della pelle scelta, la quale si tinge di colore verde, come quello dei fondali cristallini.
 

The track Haru has been a background scenery for the whole creative process of this piece. This song is in fact characterized by a fusion between pure sounds and sophisticated electro-pop rhythms. Translated into my work in a mixture of artisanal tradition and modern sensitivity, which have been able to find a balance and live in harmony.

The Clutch Frisa Horii is characterized by the outlines and side bands in a vintage-looking white, and small irregular rings on the quilted leather, just like the thick nets of Sardinian fishermen. The bag is embellished by printed leather inspired by aquamarines and the maps painted on last century’s Japanese porcelain plates.

The original inspiration for this piece came from the early dawn, from the slow awakenings, the liquid atmospheres and the evocative piano melodies.

But also from contemporary design, and from fishes’ scales that glare in the water like nacre. This gave life to unique patterns on our polished leathers, which we tainted in green like the crystalclear oceans’ floors.

_ _ _

Bag: Kiomy.
Song title: “La Veillèe” by Yann Tiersen (from the album “Les Retrouvailles”, 2005).

 

 

Kiomy è il nome di un elegante borsa da giorno, capiente ed essenziale, con patina in tessuto di sughero sardo di colore sabbia che accompagna il bianco candido della pelle e la texture a rombi.

L’immaginario variegato è fatto di geometrie, segni e rigore nei tagli. Con predilezione delle forme retrò e dei giochi optical esaltati grazie ai motivi ornamentali dei manufatti sardi.

Musica francese e suggestioni folk animano i contrasti netti che completano l’accessorio nel tessuto di maglia con disegni micro in black & white.

Le maglie di cotone, sapientemente tessute, si mescolano in un suono vellutato e ricordano le passeggiate d’infanzia, attraverso sughereti e pomeriggi caldi, dove riecheggiano le ispirazioni tradizionali rivisitate in chiave pop.

Il ricordo risiede nascosto all’interno della borsa: nella fodera di lino, realizzata al telaio i cui disegni si fanno delicati, quasi infantili, in rilievo in tinta unita ecru.

Le pagliuzze d’oro del tessuto di sughero scintillano fra archi, fisarmoniche e chitarre che s’intrecciano in una coinvolgente armonia. Il sughero si fa leggero, durevole e morbido al tatto.

Kiomy is the name of an elegant purse to be used in daytime. It is spacious and essential, and its uniqueness is the coating made out of of Sardinian cork fabric, which goes along perfectly with the candid white of the leather and the rhombus-pattern texture.

The intriguing imaginary behind this piece is made up of geometries, signs and clear cuts. With a particular taste for retrò shapes and optical games, stressed by the ornamental motifs typical of Sardinian artifacts.

French music and folk rhythms
gave life to the sharp contrasts that completed this accessory, to be found in the fabric with micro black and white designs.

This skillfully weaved cotton fabric recalls a velvet-like sound. It takes me back to my own childhood, and the warm afternoons I spent walking through the corkgroves.

Here the most traditional inspirations are revisited in a new pop style, where the memories are hidden inside the purse itself: in the loom-made liners, whose designs are delicate, almost childish, and are embossed in ecru taints.

In the golden tiny straws of the fabric, which glare like the arches of the song, recalling accordions and guitars and creating an involving harmony. Here the cork becomes light, long lasting, and soft to the touch.

_ _ _

Bag: Suisen.
Song title: “Vanishing Act” by Lou Reed (from the album “The Raven”, 2003).

 

 

Ispirata ad un concetto di purezza estetica e seduzione, la borsa Suisen è composta da doppi scomparti, in versione bicolore con tracolla fissa dal gusto vintage. Da un lato seducente, dal ritmo avvolgente, immersa in un decorato manto sonoro rosso carminio per la pelle stampata.

Nella canzone “Vanishing Act” sono vivi i colori del tramonto con una luce fra il giorno e la notte. Dall’altra a primeggiare è il bianco, che a tratti riecheggia le carezze di nostalgia con andamento lento nelle note.

La fusione moderna tra materiali e stili diversi ben convivono. L’elemento decorativo a “v” contrasta sulla patina. Due le chiusure, il minimalismo si fa puro lungo tutte le linee.

La melodia è incentrata soltanto su poche note, sulla voce che scorre lieve ed emozionante con intensità ai passaggi più soffusi. L’arrangiamento è lento e fluviale, vi è il silenzio, il mistero e il lusso chic.

Inspired by a concept of aesthetic purity and seduction, the purse Suised is composed by bi-color double compartments, with a vintage looking shoulder strap. On the one hand it seduces us when we find ourselves immersed into its carmine-red cover of printed leather.

It recalls that peculiar light in-between day and night that you can almost see in the song. On the other hand, the main color of this piece is white, a nostalgic caress evoked by the slow notes of the “Vanishing Act”.

The “V” element of decoration on the cover is deliberately in sharp contrast with the rest. Finally, with two closures the concept of minimalism becomes absolutely pure along all the lines of the bag. The modern fusion of different materials and unique styles suit in fact Suisen perfectly.

The melody focuses primarily on a few notes only. The voice runs sleekly and engages us with intensity on the most suffused passages. The arrangements are smooth and river-alike. Silence, mystery and chic luxury.

 
 
Gianluca Sini


Our interviews: Andrea Brà, owner and soul of HTC

 

In queste settimane che precedono la nuova edizione di settembre di White incontriamo alcuni dei personaggi che sono stati protagonisti della fiera in molte delle edizioni passate.

Iniziamo con Andrea Brà, owner e mente creativa di HTC – Hollywood Trading Company, che ci racconta il mondo on the road e affascinante legato al suo marchio, le ispirazioni e le idee dietro ad un importante successo internazionale.

In these weeks before the new September edition of White we meet some of the important names who were the main protagonists of the fair in many past editions.

Let’s start with Andrea Brà, owner and creative mind of HTC – Hollywood Trading Company, which tells us about the fascinating and on the road world related to his brand, the inspirations and ideas behind such an international and significant success.

htc5
Da dove arrivano le ispirazioni per un brand come HCT Hollywood Trading Company?

Viaggio molto durante l’anno alla ricerca di ispirazioni e spunti per le nuove collezioni. Le mie mete sono principalmente i Flea Markets americani, più o meno conosciuti, dove continuo ad acquistare e collezionare moltissimi pezzi vintage. Li ho raccolti in un archivio che ho creato in azienda dove spesso vado a rifugiarmi e a ​lasciarmi coinvolgere dalle emozioni che mi trasmettono.

Where does the brand HCT Hollywood Trading Company draw its inspiration from?

During the year, I travel a lot in search of inspirations and ideas for the new collections. The main destinations are American Flea Markets, more or less known, where I have been buying and collecting a myriad of vintage pieces. I gathered them into an archive I created within the company, where I often take shelter and get carried away by the emotions they convey.

htc2
C’è nella collezione, e anche nei fan del marchio, un amore per l’avventura. Quali le tappe che l’hanno segnata di più? Quali i luoghi da vedere e perché?

Sicuramente la California, Los Angeles in primis perché è lì che è nato il Brand. È la nostra storia, le nostre origini, ma siamo da sempre attenti a tutto ciò che è fonte d’ispirazione, dalle culture alle tendenze di ogni parte del mondo. Ogni nostra collezione vuole raccontare un viaggio. Sicuramente, però, negli ultimi anni anche il Giappone mi ha dato molto e quindi se dovessi riassumere il viaggio di HTC direi​: born in USA, grew up in Japan, internationally talking.

The collection, as well as the fans of the brand, features love for adventure. Which are its milestones? Which are the places to see and why?

For sure, California, Los Angeles in primis because the Brand was established there. It is our history and origins, but we have always been very attentive to all that is a source of inspiration, from cultures to trends of every part of the world. Each new collection talks about a trip. But certainly, over the last years I was much inspired by Japan as well, then if I was asked to resume HTC trip I would answer​: born in USA, grew up in Japan, internationally talking.

htc1

 

Quando ci siamo incontrati al White di febbraio mi raccontava infatti del Giappone. In che modo un Paese come quello, con tradizioni così forti e un’attitudine alla ricerca e al nuovo, la ispira e cose le piace del Giappone?

Mi affascina da sempre la loro tradizione, la storia e la maniacalità delle loro menti, sanno fotografare ogni piccolo dettaglio, in tutti i sensi. E io mi ci sono ritrovato, sono così. Da sempre amo valorizzare i dettagli perché credo siano fondamentali e lo traduco in ciò che faccio.

Un esempio è la collezione f/w 14-15 “WE ARE ARTISAN” che abbiamo presentato al White di febbraio con la quale ho voluto celebrare i valori che hanno contribuito, negli anni, a delineare la forte ed inconfondibile identità del brand; l’artigianalità dei trattamenti e delle tecniche utilizzate per la realizzazione di ogni singolo capo, uniti alla meticolosa cura per i dettagli e la scelta di materiali pregiati e ricercati, hanno fatto di HTC Hollywood Trading Company il brand contemporary vintage d’eccellenza.

When we met at White, in February, you actually talked about Japan. How a Country like this, with such a strong tradition and an attitude towards research and innovation, can inspire you? And what is the element you like the most from Japan?

I have always been amazed by their tradition, history and their maniacal minds, they are able to seize each little detail, in all senses. And I found myself in this, I am this way. I have always loved enhancing details as I believe they are essential and I translate it into what I do.

The f/w 14-15 “WE ARE ARTISAN” collection is an example of this. It was presented at White February, I aimed at celebrating the values that have contributed, through the years, to outline the strong and unique identity of the brand; the artisanal character of treatments and techniques used for the creation of every single piece, combined to a scrupulous care for details and the selection of precious and refined materials, have made HTC Hollywood Trading Company the contemporary vintage brand par excellence.

htc3

Quali le icone di riferimento per HTC? Chi rappresenta al meglio lo stile del marchio?

HTC Hollywood Trading Company è una cultura da indossare, fatta di carattere, artigianalità e attenzione maniacale al dettaglio; la pelle, il denim, le borchie montate a mano, le fibbie e tutti gli esclusivi trattamenti di lavorazione, danno vita ad un total look unico quindi il nostro consumatore è sicuramente un acquirente attento ed appassionato, ma posso dire che ogni individuo, uomo e donna, che abbia dentro un anima Biker e Rock&Roll e che quindi sia amante della musica e/o delle moto anche nei loro risvolti più lifestyle, rappresenta HTC. Non ci sono sesso, età o appartenenza sociale che fanno la differenza. Vendiamo in oltre 40 paesi con culture e senso dello stile diversi, ma accomunati dalle stesse passioni.

Which are the reference icons for HTC? Which one represents the style of the brand at best?

HTC Hollywood Trading Company is culture to wear, made of character, craftsmanship and maniacal care for details; leather, denim and studs, applied by hand, buckles and all the exclusive working processes give life to a unique total look, hence our consumer is for sure an attentive and enthusiastic buyer, but I can state that every person, a man or a woman, who has a Biker and Rock&Roll soul, a lover of music and/or motorcycles also in their more “lifestyle” aspects, represents HTC. Sex, age or social class do not make any difference. We sell throughout more than 40 Countries with different cultures and sense of style, but sharing the same passions.

htc6

 

Gli elementi principali della collezione presentata al White di febbraio?

Abbiamo attinto principalmente dal mondo iconografico del punk rock, nostra continua ed inesauribile fonte d’ispirazione stilistica realizzando una linea di giacche in pelle premium rigorosamente handpainted e dal gusto biker come BERKLEY e BILLIE fino alle più eccentriche come CRAZE PERFECTO e LEDGER.

La vera novità della stagione è però l’introduzione del concetto di “Classic American Leathergoods”, ​una nuova linea in cui abbiamo diminuito le borchie per fare spazio ad una serie di prodotti decisamente più clean, con l’obiettivo di valorizzare le tecniche artigianali dell’Hand Made e il risultato è stato un lavoro di altissima qualità. Scarpe con suole importanti, stivali engineer, cinture in cuoio pesante e non trattate, cosi come il nuovo concetto di dressy belt, sono i capisaldi della tradizione classica americana che abbiamo deciso di rivisitare con il consueto tocco HTC.

 
Which are the main elements of the collection presented at White February?

We mostly draw on the iconographic punk-rock universe, which represents our constant and endless source of stylistic inspiration, thus creating a line of premium leather jackets rigorously hand painted and with a biker style, like BERKLEY and BILLIE up to the most eccentric CRAZE PERFECTO and LEDGER.

The veritable innovation of the season is the introduction of the “Classic American Leathergoods” concept, ​a new line where studs have given space to a series of definitely cleaner products, with the aim of enhancing artisanal Hand Made techniques and the result has been of very high quality. Shoes with important soles, engineer boots, heavy leather belts, unfinished, as well as the new concept of dressy belt, are the cornerstones of classical American tradition to which we have decided to give a new interpretation with the usual HTC touch.

htc4

 

Un sogno nel cassetto? C’è qualcosa che non ha ancora fatto e che vuol realizzare con HTC?

Comprare l’omonima compagnia dei telefoni. (E scoppia a ridere, ndr)

A long-cherished dream? Is there something you haven’t done yet, and would like to do with HTC?

Buying the homonymous company of phones. (And he bursts out laughing, ndr)

Gianluca Sini

 

www.htclosangeles.com


. © WHITE - PIVA 02579501202 - Powered By M.Seventy S.r.l. WebSite VITALIANOCOSENTINO